Books

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO

I luoghi, la storia, l'avvenire

In occasione del Cinquantesimo anno di attività dell'Università di Bergamo, questo libro ne vuole raccontare gli anni attraverso i suoi luoghi, molteplici e con forme di bellezza diverse. Lo sguardo attraverso l'obiettivo di Federico Buscarino coglie il fascino del passato e la dinamicità del futuro.

BOLIS EDIZIONI, 2019

BERGAMO

Sguardi, parole, emozioni

Lo sguardo di Federico Buscarino coglie con scatti mozzafiato ciò che Francesco Fadigati traduce in versi intensi e suggestivi. La parola scaturisce dall’immagine per coinvolgere, impressionare ed emozionare. La città “vive”, raccontata con passione e sensibilità.

BOLIS EDIZIONI, 2019

LE MURA

Da antica fortezza a icona urbana

Le mura di Bergamo, oltre al valore storico e al pregio architettonico, sono un elemento imprescindibile del paesaggio storico urbano bergamasco e della stessa identità cittadina. Il libro, con un ampio apparato fotografico appositamente realizzato, ed una serie di immagini storiche, propone testi di elevata qualità scientifica ma di sintetica stesura e agevole lettura, affidati ad esperti della materia.

BOLIS EDIZIONI, 2017

IL TEATRO DELLA VITA


Il libro è un esteso reportage sul vecchio “Ospedale Maggiore” di Bergamo nel periodo immediatamente successivo alla sua dismissione. Il volume racchiude una serie di fotografie di grande suggestione di Federico Buscarino che danno un essenziale apporto alla memoria storica della struttura e costituiscono un punto di riferimento alla progettualità del suo futuro nuovo utilizzo. Le fotografie sono introdotte da uno scritto di Gabriele Allevi, che ha seguito il progetto fin dai suoi inizi, e accompagnate da brevi testi di contestualizzazione a cura di Nicola Eynard, Giuseppe Frangi, Giuseppe Locatelli.

BOLIS EDIZIONI, 2013

IL MARE DIETRO IL MURO

Nostro padre Re Lear

Il volume nasce da un progetto culturale che ha portato in scena l'opera shakespeariana recitata da giovani detenuti, all'interno di tre differenti carceri minorili italiani (Milano, Bologna e Palermo). La storia di re Lear è stata scelta per il tema della tragedia familiare, problematica che molti ragazzi, dentro e fuori dalle carceri, sentono vicina. L'indagine è stata svolta da parte di Massimo Marino, noto drammaturgo e critico teatrale, Roberto Muttì, critico fotografico e da Maurizio e Federico Buscarino, padre e figlio alle prese con la fotografia di scena.

ELECTA, 2008